Subscribe via RSS Feed Connettetevi su Instagram Connettetevi con Pinterest Connettetevi con Google Plus Le nostre immagini con Flickr Unisciti al nostro gruppo con Flickr Cerca su LinkedIn Unisciti al nostro LinkedIn Group Connettetevi su YouTube

4 Giugno 2017 DOMENICA DI PENTECOSTE /A Giovanni 20,19-23 “La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: “Pace a voi!” Poi alitò su di loro e disse:” Ricevete lo Spirito Santo. A chi rimetterete i peccati saranno rimessi”.

Archiviato in Immagini, Parole, Saperi da il giorno 3 Giugno 2017 0 Commenti • views: 1075

4 Giugno 2017

DOMENICA DI PENTECOSTE /A

Giovanni 20,19-23

“La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, si fermò in mezzo a loro e disse: “Pace a voi!” Poi alitò su di loro e disse:” Ricevete lo Spirito Santo. A chi rimetterete i peccati saranno rimessi”. 

Sono ormai passati 50 giorni dalla Pasqua. La parola “Pentecoste”, infatti significa cinquanta giorni. Oggi la Chiesa festeggia l’evento culminante e conclusivo della grande storia della salvezza, una storia d’amore iniziata con Abramo.

Chi è lo Spirito Santo? Diverse sono le definizioni: terza persona della SS, Trinità; forza di Dio; dono di Cristo Risorto… E’ Colui che guida la Chiesa.

Tutte definizioni da meditare. Sintetizzando, però, queste definizioni non possiamo non arrivare ad una semplice parola: E’ AMORE.

Infatti lo Spirito S. è espressione dell’amore che Dio ha avuto ed avrà verso ciascuno di noi: “Deus charitas est.

Lo Spirito Santo dà ai credenti una visione superiore del mondo, della storia che li fa custodi della speranza che non delude.

A noi, figli di Dio, non è dato essere orfani. Per questo Gesù assicura i suoi seguaci: “Quando verrà lo Spirito di verità, vi guiderà alla verità tutta intera”.

Il fuoco della Pentecoste ci fa vivere una nuova speranza. Ci fa capire soprattutto che la Chiesa in cui viviamo, non è un museo, non è un cimitero, ma è una comunità viva e sempre giovane.

Tanti guardano alla Chiesa, ma non tutti con amore. Dobbiamo amarla adesso soprattutto, quando sembra diventare di moda attaccarla.

Titolo di un giornale: “Volete audience? Attaccate la Chiesa.

Diceva S. Giovanni XXIII: ” La Chiesa ha molti nemici, ma non è nemica di nessuno.

Dobbiamo amare la Chiesa, perchè è la nostra famiglia, anche se piena di difetti e di scandali.

Ma noi, che ne facciamo parte attiva, guardiamo la Chiesa per amarla.

Amarla perchè Cristo l’ha amata.

Amarla perchè la Chiesa siamo noi.

Se noi resteremo giovani, la Chiesa sarà giovane

Se noi saremo santi, la Chiesa sarà santa, sotto il soffio vitale dello Spirito.

Infine un’ espressione di Santa Caterina da Siena: “Se sarete quello che dovete essere, metterete a fuoco il mondo intero”.

BUONA  FESTA

don luigi corsi

donluigi2514@gmail.com

338 384 95 02

Tags: , ,

Riguardo l'Autore dell'articolo ()

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.